martedì 8 marzo 2011

8 marzo 2011









8 marzo 2011 Festa della Donna

" ... stamani dormivo tanto bene, un ereno manco le sette che entra il mì marito con ceppo di mimose e na tazza di caffellatte cò le Marìe. "bongiorno cara ... aguri ..." apro prima nocchio, poi quell'altro, lo miro, e gni dico "Dììììì, ma hai già bevuto"? e lui, con un sorisino ebete su quel muso raggrinzito, mi fà "oh che bevuto e bevuto. il cioncio me lo sò finito ieri sera. tò fatto l'aguri perchè oggi è la festa de la donna"!! Diiiiii ... mè preso un colpo di cristi!! aguanto il guanciale e gne lo tiro. gni schizza tutto il caffè e li biscotti pe la tera ... "popò di sudisciume", gni dico collocchi di fori .. ho passato na nottata cò na coleca cun ho chiuso occhio ... un ti sì manco degnato di nulla e mi veni a sveglià pè fammi l'aguri, cun me li fai mai, nè quando finisco l'anni, nè pe l'anniversari." Gnò fatto venì la tremarella, perdie ... "Sfacciato, maleducato cun sì altro ... invesce di venimmi a rompe li coglioni, lavemi li piatti chè da ieri che sò sull'acquaio, cun maguanto ritta!!" E' camminato di là a culo aperto!! ... e mentre andava di là, io con gargarozzo così .. "Altro che festa de la donna, lo sai le mimose 'nde te le devi mette!! ... La festa de la donna e anco dellomo, deve esse tutti li giorni ..." Dopo il furione, mezza cionca, sò andata di là, ... me l'aveva anco asciugati, li piatti!! oh cazzo tè!!

Con i miei auguri a tutte le Donne.

Giuliano

0 Comments:

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home